Maristella Laricchia nasce a Milano nel 1947 dove vive e lavora.
Ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Brera e successivamente corsi di nudo, anatomia artistica ed acquerello. In seguito ha integrato la sua formazione artistica con l'acquarellista Anna Pavesi, i Prof.ri Lazzari, Fornoni, Pedrazzini.

Mostre personali:

  • Galleria Centro Culturale Internazionale D’Arte Sever, Milano – 2003 - 2005
  • Circolo Acli Lambrate, Milano – 2004
  • Cooperativa Edificatrice Ortica, Milano – 2005
  • “100 Firme”, Palazzo del Mobile, Lissone – 2006
  • Spazio Culturale San Clemente, Sesto San Giovanni – 2007
  • Galleria “La Colombitta”, Rapallo – 2007
  • RSA, Residenza San Giorgio, Milano – 2007
  • Villa Casati Stampa, Cinisello Balsamo – 2007
  • Residenza Sant’Andrea, Monza - 2007  
  • Galleria degli Artisti, Milano – 2008
  • Sala consigliare del Comune di zona 3, Milano - 2008
  • Archi Gallery, Milano – 2009
  • Associazione Sassetti Cultura, Milano – 2009
  • Infopoint Consiglio Regionale Lombardo, Parco Monza – 2009
  • Artecultura, Milano – 2009
  • Galleria d’arte Eustachi, Milano – 2009
  • Coop Comitato Soci Rogoredo, Milano – 2009
  • Associazione Sassetti Cultura, Milano – 2010
  • Atelier Chagall, Milano – 2010
  • Pinacoteca Civica di Imperia, Imperia – 2010
  • Galleria degli Artisti Milano 2010
  • Galleria degli Artisti Milano 2011 Il Caffè è l’Arte
  • Personale “Bagliori Serali” allla Galleria il Leggio Rapallo 2011
  • Galleria d’arte Eustachi Milano 2011
  • Galleria degli Artisti Milano 2012
  • New Artemisia Gallery Bergamo 2012
  • Fondazione Xante Battaglia Venezia 2012
  • Rassegna Martesana Lions In. Vaprio d’Adda 2012
  • Graal Spazio Arte Pavia 2012
  • Galleria degli Artisti – Milano Dicembre 2012
  • Galleria d’Arte Eustachi – Milano 2013

Ha esposto inoltre in numerose mostre collettive e benefiche sia in Italia che all’estero, ricevendo sempre un ottimo apprezzamento sia dai critici d’arte che dal pubblico.

Numerosi i premi ricevuti fra cui:

  • Targa Sever d’oro 2003 – 1° premio
  • Coppa Accademia Severiade  2003 – 1° premio
  • Trofeo Maestro dell’anno 2003
  • Premio Rivarolo – Fondazione Sanguanini - 2003
  • Premio Internazionale Biondi Tesio 2005 e 2006 – 1° premio
  • Borgo degli Artisti – Premio Kalendimaggio 2006 - 2007 – 2008 - 1° premio
  • Borgo degli Artisti – Premio Settembre a Milano 2008 – 2009
  • Artecultura – Diploma per le rassegne “Tempo d’arte nel colore delle stagioni” Anni 2004 – 2005 – 2006
  • Un nudo per l’estate – Anni 2005 – 2006 – 2007 – 2008 – 2009
  • Galleria Eustachi Epifania 2006 – 2007 - 2008 – 2009 – 2010
  • Galleria Eustachi Concorso Internazionale d’Arte Primavera 2008 – 2009 – 2010 - 2011
  • Concorso “Il Caffè e l’arte” Milano febbraio 2011 3°Premio.
  • Artexpò Gallery – Premio Critica “ Leone d’Oro per l’Arte” 2011
  • Ad-Art  Premio Artisti 3° Posto Gennaio 2013

Sue opere sono in permanenza al Centro Culturale Internazionale d’Arte Sever di Milano, Galleria d’Arte Eustachi di Milano, Gli Etruschi di Livorno. Fondazione Xante Battaglia di Milano, Graal Spazio Arte Pavia, Artecultura Milano, New Artemisia Gallery Bergamo e presso collezioni private in Italia, Francia e Germania.

Note biografiche si trovano sugli annuari:

  • Elité 2004 – 2006 – 2008 – 2009 -2010 – 2011 – 2012 - 2013
  • Dizionario Enciclopedico Internazionale d’arte moderna e contemporanea 2005
  • www.comanducci.it – 2007
  • Catalogo Arte Mondatori – CAM 48 – 2013

Si sono interessati alla sua pittura diversi critici:

"Nel Dipinto Ghiacciaio al Tramonto la pittrice Maristella Laricchia approfondisce la sua ricera cromatica e compositiva nel solco di una coerente visione post-impressionistica. Da questo punto di vista l'elemento narrativo dell'immagine viene sollecitato espressivamente dalla vibrazione dei colori e dei toni che conferiscono dinamismo alla rappresentazione. Ne consegue che l'artista non si sofferma più sul semplice dettaglio naturalistico ma interpreta l'immagine cogliendola nel suo insieme emozionale. Da rilevare, come un altro dato importante della sua pittura consiste nell'essenzialità della forma che così semplificata e pura, assume i tratti di una poetica visione. Per Laricchia il colore è l'anima della sua struttura espressiva, un colore che non deve illustrare allunché ma essere energia dell'osservazione interiore, del sentimento che avverte nella natura un incanto ancora possibile di cui la pittura è vibrante testimonianza. I suoi dipinti lasciano chiaramente intravedere che una pittura di aperto contatto con il paesaggio è ancora coerentemente possibile e rivelatrice."
Marpanoza

Maristella Laricchia predilige la raffigurazione di realtà che lasciano tracce emozionali nel suo itinerario creativo. Ritrae soprattutto paesaggi e aspetti di natura che si avvincono con i loro fascinosi richiami o per forza intrinseca di immagini e cromie. Nella loro strutturazione, ricca di variabili timbriche e tonali, fa affiorare le sensazioni tattili e le suggestioni che albergano nell'animo, sottendendo nella narrazione pittorica simbolici richiami al senso della vita e al suo divenire. La sua pittura e intrisa di luci e coloriture che ravvivano ogni particolare e danno significato alle soggettive interpretazioni. Le trame figurali emergono con vivacità da oriditure cromatiche realizzate con sapienti spatolate, che ricreano forme, prospettive, profondità di campo con dinamica armonia.
Vito Cracas

“Pittrice lombarda di coerente vena figurativa. Ama molto il paesaggio che dipinge con evocante serenità pittorica con qualche leggero allusivo di surreale. Alberi, laghetti e silenziosi percorsi d’acqua, borghi e marine simboleggiano estrosamente il dipinto realizzato con tecnica ad olio. Nella sua pittura il colore si dipinge con affinità di natura che rende attraente il ruolo della poetica.”
Dr. Teodosio Martucci

“La pittura di Laricchia Maristella si inserisce nel filone dell’arte figurativa con forza ed incisività. L’artista adopera prevalentemente la spatola dando vita ad opere di grande valenza pittorica. La tematica adoperata è varia ed in essa sprazzi di colore si intervallano ad atmosfere silenti in cui la natura ha il sopravvento e ci regala momenti di sorprendente gaudio estetico. In ogni opera, ci comunica un messaggio di vita, consapevole che il fruitore deve sentirsi avvolto nella realtà e respirare in essa e con essa estasi irrepetibile.”
Dr.ssa Lia Ciatto

Per il quadro “Vicolo dei lavandai”: “Laricchia Maristella ci porta nel cuore della Vecchia Milano suscitando emozioni e ricordi sopiti. La sua rappresentazione è composta, ricca di musicali cadenze ritmiche e cromatiche. Tutto si fonde in una luce calda, in un’atmosfera di raccoglimento, non turbata da presenza umana, dove le imposte ora chiuse ora aperte, i fiori, l’acqua che scorre sono inequivocabili segni di una vitalità che non contrasta con l’autorevolezza del passato. Una pittura suggestiva, che rende palpabile una felice e lirica ispirazione.”
Prof.re Perdicaro

“Il bellissimo dialogo coloristico che l’artista ha con le sue opere è accentuato dalla sua bravura nell’usare la spatola, tecnica molto difficile che richiede alti gradini di preparazione esecutiva. L’artista usa il paesaggio come rivisitazione di un soggetto in modo emblematico, usando colori compositi e un po’ impossibili, che diventano i suoi colori personalizzati, riuscendo a dare al dialogo coloristico luminosità artistica, impaginazione scenica e prospettiva. Vi sono poi le trasparenze che riescono a dare alla profondità l’esatta situazionalità del soggetto mantenendo la leggerezza.”
Prof.re Fernando Silo